giovedì 6 agosto 2015

petterusse

«A kjéne kjéne, petterusse!»
lucculève attaneme da riète
ca ij fuscève nnànde
i me spascève a képe sope i piète.

Russe pur jídde p’a fatigghje
spascève i piète pu martidde
sópe a ferrovie. «Nna jè a stessa cose»
se mbriachéve a sère, «fatiè pe l’ólte
pe campè a sciurnète
o acchiarse na fatigghje ca te pièsce.»

Può pegghjève sunne a kjéne kjéne
sópe a banke. «Kèr è libertà
i kèss è capitalismo. Mbàrete,
ca i ciucce vone nnànde, petterusse,
ma u munne u spàscene i paruòle.»

I m’accattève i libre pa fatigghje
pe ffè a revoluzione nziéme a jídde.

I nna sapève nudde ca na dígghje
m’è appeccète mpitte u stésse fúke
u cante ca na dígghje a spascè u munne
pi paruòle, ca so piète p’u scarpidde.

U sacce bbúne jí, ca i fatigghje.


Traduzione

«Piano piano, pettirosso!»
Gridava mio padre da dietro
che io scappavo avanti
e mi spaccavo la capa sulle pietre.

Rosso pure lui per il lavoro
spaccava le pietre col martello
sulla ferrovia. «Non è la stessa cosa»
si ubriacava la sera, «lavorare per gli altri
per campare la giornata
o trovarsi un lavoro che ti piace.»

Poi prendeva sonno piano piano
sulla tavola. «Quella è libertà
e questa è capitalismo. Imparalo
che i ciucci vanno avanti, pettirosso,
ma il mondo lo spaccano le parole.»

E mi comprava i libri col lavoro
Per fare la rivoluzione insieme a lui.

E non sapeva nulla che un giorno
mi si è acceso in petto lo stesso fuoco
il canto che un giorno spaccherà il mondo
con le parole, che sono pietre da scalpello.

Lo so bene io, che le lavoro.

3 commenti:

amanda ha detto...

meravigliosa

lillo ha detto...

grazie :)

marian. ha detto...

la chiusura al futuro semplice lascia trasparire un auspicio che in ogni caso, ancora, non è. Il pettirosso ce l'avrà fatta certamente. Sono bravi gli uccelli mica come noi umani. Loro persino scrivono rotte nei cieli e le seguono come valori assoluti. Noi invece siamo capaci di ribaltare sempre ogni cosa invischiandoci nella nostra materia grigia. Io però ci credo ancora al "...canto che un giorno spaccherà il mondo con le parole, che sono pietre da scalpello."
Bravo poeta!