mercoledì 25 febbraio 2015

good!

A G.L. RONDI

Sei così ipocrita, che come l'ipocrisia ti avrà ucciso,
sarai all'inferno, e ti crederai in paradiso.

[Pier Paolo Pasolini, La religione del mio tempo, 1961, Garzanti, pag. 137]

Ieri l'ho letta in classe e un ragazzo pakistano mi ha detto: "Good! Come si chiama questo?" poi si è segnato il nome sul quaderno. Pasolini è ancora giovane, parla ai giovani, e gira per il mondo.

3 commenti:

Pietro Bossa ha detto...

Prima che l'artista, qui credo che attiri il tema.
La condanna dell'ipocrisia porta consensi facili su ogni social network, tant'è che scrivendo "frasi ipocrisia..." nella barra degli indirizzi, Google propone rispettivamente in quarta e quinta posizione "frasi ipocrisia tumblr", "frasi ipocrisia facebook", senza considerare l'idolo di ogni link in terza posizione: "frasi ipocrisia oscar wilde".
Con ciò non ho intenzione di sminuire il genio di Pasolini, ma modererei l'entusiasmo riflettendo sulla differenza fra il "chi" e il "cosa" parli ai giovani.
E ciò mi deprime ancor più se espando la riflessione a quali delle mie composizioni (ho aperto da pochissimo un blog relativo alla poesia) siano state immediato oggetto di consenso: non quelle che io reputo tecnicamente o emotivamente più valide, ma quelle in cui parlo (beceramente) di sesso.
Chiedo scusa dello sfogo, e mi complimento -se non l'ho già fatto- rispetto alla gestione di questo spazio che trovo validissimo per temi.

lillo ha detto...

ragazzo mio ti ringrazio, ma sei troppo deferente :)
in ogni caso la forma è la cosa. tu puoi parlare di sesso come di ipocrisia, ma è sempre come lo fai che fa la differenza... o almeno io la vedo così.
ho visto il tuo blog, è carino. poi è sempre complesso parlare di poesia, è più facile parlare di sesso, per cui se una poesia parla di sesso, è più facile dire qualcosa di quella poesia...

marian. ha detto...

con questo tema, frase, riflessione, verso avrai forse acceso un fuoco nel giovane pakistano e questo è quanto di meglio possa accadere quando si lancia un fiammifero acceso nella sterpaglia. Pasolini o don Tonini Bello non importa.
"Accendi un fuoco nella gioventù ed esso brucerà per sempre". ti piace questa? è mia ;)